Il 92% degli uomini e l’89% delle donne (al contrario del preconcetto secondo cui solo le donne guardano l’aspetto) vogliono lavorare con qualcuno che trovano gradevole.

Ci tengo a sottolineare che “gradevole” non vuol dire bello in maniera canonica, tipo Victoria Secret o Matthew McConaughey, vuol dire una persona con cui è un piacere interagire: qualunque lavoro facciate, il vostro è un lavoro di interazione e avete a che fare con altre persone, offline o online.

Questo vi fa vedere quanto l’immagine sia connaturata con noi, con la nostra identità, con il nostro rapporto con gli altri, con quello in cui crediamo e quindi quanto è importante che tutto questo venga ingegnerizzato in modo corretto.

Quando vi parlo di strategia o di ingegnerizzare l’immagine, non pensate che voglia parlare di un qualcosa di asettico. Non vuol dire che non conta più come siete, i vostri gusti, la vostra personalità, ma assolutamente il contrario.

Nella formula per il TUO look perfetto devono entrare tutti questi aspetti.

Quindi, nello studiare il look corretto per ogni persona non c’è solo la famosa analisi dei colori, non c’è solo la valutazione della tua forma corporea (rettangolo, a pera, a mela o a clessidra); conta chi sei:

– la tua personalità,

– dove lavori,

– in quale ambiente ti muovi,

– con chi interagisci,

– chi è il tuo cliente tipo e chi è il tuo cliente ideale (vedremo dopo che non sono necessariamente la stessa persona ed è fondamentale lavorare in quella direzione.)

Tutti questi aspetti vanno presi in considerazione per studiare il look corretto, il tuo LOOK POSITIONING.

Ho chiamato così il mio brand perché si tratta di posizionamento a tutti gli effetti: come si crea il posizionamento per i prodotti, allo stesso modo bisogna fare per la persona, perché è il primo “prodotto” che deve vendere.

Come dicevamo prima, non conta la tua intenzione, non conta il “ma io volevo dire questo”, “ma per me il rosso rappresenta tranquillità”, conta che cosa passa agli altri.

Sei tu quindi che ti devi adattare ai codici del tuo cliente, devi capire quali sono, perché questo determinerà se ti scelgono o se non ti scelgono, cioè intanto se hai la possibilità di avere a che fare con un dato cliente oppure no e, se sì, come quel cliente ti tratta.

Quanto sei autorevole dipende tantissimo da come sei percepito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *